LAGO DI GARDA: E’ AVANTI TUTTA NEL SETTORE IMMOBILIARE

Tornano gli investitori e il mattone sulle sponde del Lago riparte a grande velocità. A sottolinearlo è l’ultimo bollettino emanato dalla Borsa Immobiliare di Brescia, che ha redatto il listino dei valori degli immobili sulla piazza di Brescia e provincia 2021. In testa alle quotazioni il più grande lago italiano, il Lago di Garda. Le sponde lacustri si dimostrano per l’ennesima volta una grande fonte di reddito per chi ha investito in questa zona. Le compravendite nei pressi del Benaco sono state effettuate per circa l’80% da bresciani in cerca di una seconda casa sul lago. Il restante 20% è invece avvenuto da parte di investitori internazionali, per lo più tedeschi, più interessati ai Comuni principali che affacciano sul Garda.

 

A Sirmione, in località Castello fronte lago, si toccano gli 8mila euro al metro quadrato. A seguire, Desenzano, Salò e Gardone Riviera che vanno rispettivamente da 6900 a 5850 euro al metro quadrato per proprietà sempre su lago. Al quinto posto della top ten stilata dalla Borsa di Brescia si inserisce Ponte di Legno, una meta non sul lago ma che gode sempre di grande interesse e che nella lista delle località in testa è l’unica a non guardare il Lago di Garda. Chiudono infatti la lista San Felice, Limone e Desenzano tra gli altri, i primi due sul lago, il terzo in direzione lago.

 

In tutte le aree mutano le tipologie abitative richieste. L’appartamento “di oggi” è più grande, deve godere di molta luce e quindi meglio se posizionato ai piani alti dei palazzi. Inoltre, l'unità immobiliare dovrebbe essere dotata o di giardino, nel caso di residenziale ai primi piani, o di terrazzo.

 

Se crescono il valore e il numero di compravendite di immobili residenziali un po’ ovunque, al contrario diminuisce la richiesta di fabbricati destinati ai settori direzionale e commerciale, presumibilmente a causa delle difficoltà riscontrate da imprese e aziende dopo le chiusure dovute al Covid.

 

 

TORNA ALLE NEWS